PIRANESI GIAMBATTISTA

Ara antica sopra la quale si facevano anticamente i sagrifizi…
Data: Roma,1750 - 1770
cod 7127
800,00 €
Acquaforte, bulino e puntasecca, mm 247x353 (lastra dell’incisione), firmata in lastra in basso a sin. “Gio Batta Piranesi Architetto inventò, ed incise in Roma”; stato III su IV databile fra il 1760 e il 1770 sebbene questo stato della lastra non fu alterato fino a circa il 1835 per l’edizione di Firmin Didot; tratta da Opere varie. Esemplare con ampi margini, impresso su carta vergata romana con filigrana n. 33/40 (Robison) titpica degli anni ‘60. Le incisioni furono pubblicate e raccolte nel 1743 in prima edizione con il titolo di Prima parte di Architetture e Prospettive; nel 1750 Piranesi rielaborò alcune tavole, aggiungendo anche i numeri in basso e cambiando i titoli, ne aggiunse delle nuove e ne eliminò altre dando vita ad un’opera diversa che titolo Opere varie. Oltre all’indubbia importanza grafica questa opera rappresenta un condensato della futura produzione: vi sono tavole architettoniche, Capricci, i primi abbozzi delle Carceri, vedute. Ottimo esemplare marginoso con minime fioriture marginali della carta e un leggero alone al margine inf. ROBISON, Piranesi, Early architectural Fantasies, n. 6

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila la form per ricevere assistenza sui nostri prodotti e richiedere un preventivo

Accetto l’informativa sulla privacy.

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato
Accetto l’informativa sulla privacy.