CARPIONI GIULIO (Vicenza 1613 – 1679)

Sacra famiglia con la Vergine che legge
Data: Venezia,
PC030012
Materia: acquaforte
1.800,00 €
Acquaforte, firmata in lastra in basso a destra. Esemplare nel secondo stato di tre, con l’indirizzo dell’editore Matteo Cadorin aggiunto in basso al centro. Bella prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, piccoli margini, in eccellente stato di conservazione. Il graffio di lastra visibile alla destra del San Giuseppe è tipico di tutte le prove del primo e secondo stato. (Vicenza 1613 – 1679) Allievo del Parmigianino e poi del veronese Ottino del quale subì influenze di eco caravaggesca, il Carpioni è uno dei più interessanti interpreti del classicismo neovenezianeggiante del Seicento in Italia settentrionale. Unendo esperienze più varie,che vanno dal realismo lombardo al classicismo bolognese e soprattutto poussiniano,conosciuto forse tramite le stampe di Pietro Testa, l’artista raggiunge un linguaggio figurativo personalissimo, tra i più interessanti della contemporanea pittura veneta, legati soprattutto alle sue celebri raffigurazioni di baccanali e scene pastorali popolate di ninfe e satiri. Questi temi sono svolti dal Carpioni anche in qualche acquaforte,tecnica che interessò l’artista limitatamente a pochi pezzi realizzati, assai rari e tutti pervasi di quello spirito di classicismo affine alle opere realizzate da Poussin nel suo primo periodo romano, alla produzione giovanile di Pietro Testa e di Giovanni B. Castiglione. Notissimo per la sua attività pittorica ,si dedicò all’incisione nel periodo iniziale della sua carriera, quasi in fase sperimentale, utilizzando il mezzo incisorio come ricerca espressiva e di forma. Bartsch 5, TIB 005 II/III. 147 x 215 mm.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila la form per ricevere assistenza sui nostri prodotti e richiedere un preventivo

Accetto l’informativa sulla privacy.

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato
Accetto l’informativa sulla privacy.