KANT EMMANUEL

Critik der Urtheilskraft
Data: Berlino,Lagarde,1793
cod 8495
Materia: filosofia
480,00 €
In 8° (mm 200x110); pagg. LX, (2), 482. Mezza pelle con angoli coeva, titolo impresso in oro su tassello al dorso, scomparti e fregi dorati, tagli rossi. Testo in carattere gotico. Seconda edizione. La "Critica del Giudizio" è il tentativo di mediare il mondo fenomenico con il mondo noumenico. Vi è dunque una terza facoltà intermedia fra l’intelletto (facoltà conoscitiva teoretica) e la ragione (facoltà pratica): il giudizio, collegato al "sentimento puro". “La Critica del Giudizio” sembra palesare il tentativo di Kant, di poter sanare quelle contraddizioni che emergevano forti dalle precedenti “Critica della ragion pratica” in opposizione con le conclusioni della “Critica della ragion pura”. Kant sperimenta per certi versi in quest’opera una nuova terminologia, un opera per certi versi oscura, che si presta a varie interpretazioni. Lukàcs, un importante pensatore del Novecento, ha affermato che tutta l’estetica possibile per l’umanità è contenuta nella “Critica del giudizio”, ma si tratterà di dipanarla nei tempi venturi: si dovrà sempre attingere a quest’opera se si vorrà considerare i problemi della bellezza e del finalismo della natura. Ottimo esemplare marginoso, su carta vergellata, in bella impressione. Antica nota manoscritta alla guardia ant. Timbrino di appartenenza all’interno dei piatti. Lievi tracce d’uso a spigoli e cuffie.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila la form per ricevere assistenza sui nostri prodotti e richiedere un preventivo

Accetto l’informativa sulla privacy.

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato
Accetto l’informativa sulla privacy.