MATTHIAS QUAD

Geographisch Handtbuch…
Data: Colonia,1600
Cod 2976
Materia: atlanti
25.000,00 €
Pagg. (8), frontespizio inciso 82 carte geografiche incise in rame a doppia pagg. con testo tedesco al verso del foglio. Bellissimo esemplare con elegante pergamena coeva di area germanico-fiamminga con doppia cornice concentrica e losanga al centro dei piatti e cantonali impressi a secco. Sei nervi al dorso, gigli impressi anticamente in oro, titolo manoscritto a inchiostro bruno; tagli blu. Tracce di legacci ai piatti. Ottimo esemplare con buoni margini, in splendida impressione, abbastanza inusuale per le opere di Quad. Piccolo strappetto marginale restaurato al marg. int. del frontespizio. Sguardie rinnovate con carta vergellata e marca d’acqua con le due torri. Prima edizione con questo titolo del primo atlante del mondo pubblicato da Quad. Contiene mappamondo, continenti, carte regionali di Africa (1), Asia (5), America (3), polo nord oltre a numerose carte regionali europee e tedesche. Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudonimi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1592 Quad pubblica a Colonia “Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio” con sole 28 carte, aumentato a 50 nel 1594. Nel 1596 c., sempre a Colonia pubblica “Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris”, un planisfero sulla base dell'opera mercatoriana e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo, con 82 carte: “Geographisch Handtbuch”, che è anche il primo atlante edito originariamente in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino “Fasciculus Geographicus” con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Questi atlanti si proponevano sul mercato come alternative di qualità ma di formato e prezzo inferiore ai vari Ortelius, De Jode e Mercator, che sono in modo evidente i modelli delle carte di Quad. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi successi degli atlanti orteliani; pertanto nessuna ristampa dell’atlante è nota, rendendolo raro e quindi molto ricercato nel mercato antiquario. Meurer, Atlantes Colonienses, Qua 6; Phillips 411; Sabin 66894.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila la form per ricevere assistenza sui nostri prodotti e richiedere un preventivo

Accetto l’informativa sulla privacy.

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato
Accetto l’informativa sulla privacy.