SCALA ERCOLE

L’Ungheria compendiata, dal sig. co. Ercole Scala, e nuovamente ristampata con l’accrescimento d’altre città, oltre le più rimarcabili di quel Regno, che cadono scolpite all’oculare inspettione, come pure descritta…Vienna liberata dall’assedio, et imperfettionato l’intrapreso di Buda, e nel fine i gloriosi progressi fatti dall’Armi Cesaree nel medesimo Regno l’anno 1685.
Modena,nella stamperia di Demetrio Degni,1686
Cod 9423
5.000,00 €
In 4° piccolo (mm 232 x 170). Pagg. [xii] 116 [2]. Frontespizio in rosso e nero, eleganti iniziali e fregi xilografici. Ritratto calcografico dell’imperatore Leopoldo I, sottoscritto da Francesco Guienotti, e 22 (di 25) splendide tavole calcografiche (mancano quelle relative alle città di Vaccia, sostituita da una simile di altra serie, di Hatvan e di Canissa), di cui una ripiegata. Legatura posteriore ottocentesca in mezzo vitello, piatti marmorizzati, dorso liscio con titoli e filetti in oro. Ottimo esemplare molto ben conservato. Nel volume sono rilegati una placchettina e 17 tavole calcografiche (di cui 7 ripiegate), pubblicate separatamente a foglio sciolto, le cosiddette stampe di occasione, edite per informare il pubblico degli ultimi avvenimenti storici avvenuti. Queste incisioni sono ovviamente sempre assai rare, perché erano vendibili solo a breve termine; questo l’elenco: 1- bando di [4] pp. intitolato “Relatione della presa per assalto della citta alta di Buda” Milano, Pandolfo Malatesta, (1686); 2- “Nuovo e vero disegno dell’assedio della gran Città, e fortezza di Buda assediata dall’armi cesaree li 15 Giugno 1686”, incisione in rame ripiegata, mm 230x340, Verga e Bianchi, Vienna e Milano, 1686,; 3- “Pianta della fortezza di Nayasel”, incisione in rame ripiegata, mm 260x205+legenda, non firmata; 4-“Naihasel”, incisione in rame da opera non identificata, controfondata, mm 140x215; dalla stessa serie, tutte controfondate con difetti al margine destro, 5-“Esperies”, 6-“Cassovia”, 7-“Varadino”, 8-“Zolnok”, 9-“Gran o Strigonia”, 10-“Vicegrad”, 12-“Buda o Offen”, 13-“Il famoso ponte d’Essec”; 11-“Pianta della città di Buda”, incisione in rame ripiegata, mm 265x215+legenda; 14-“Situatione del ponte d’Essek e Darda”, inc. in rame rip. , mm 270x205+legenda; 15-“Fortezza di Belgrado”, mm 205x300, silografia anonima; 16-“Topografia dell’insigne citta, e castello di Belgrad, assediata & espugnata dall’Altezza Serenissima…l’anno 1688” incisione in rame pubblicata da Agnelli a Milano, ripiegata più volte, con ampio testo storico descrittivo in basso e due incisioni della città e del castello (ognuna circa mm 190x230) in alto, totali mm 390x465; 17-“Vero disegno della citta et fortezza di Caminietz capo della Podolia”, incisione in rame, mm 275x185+testo in basso, pubblicata da Agnelli a Milano; 18-“Vaccia”, con margini più corti e appartenente alla stessa serie di 9 vedute poste in fondo al volume.



soggetto: Ungheria, Ottomani
Torna Indietro