UGHI LUDOVICO

Iconografica rappresentazione della inclita città di Venezia consacrata al Reggio Serenissimo Dominio Veneto
Venezia,1729 - 1739
Venezia
30.000,00 €
Iconografica rappresentazione della inclita città di Venezia consacrata al Reggio Serenissimo Dominio Veneto Incisione in rame, mm 1490x2060; montata su tela coeva con bordi in seta. Una delle più grandi piante mai stampate e prima basata su rilievi scientifici fatti sul campo. Celeberrima ed innovativa pianta topografica della città, stampata in otto fogli, arricchita da 16 vedute laterali incise da Zucchi e ricavate dalle incisioni di Carlevarjis. Secondo stato su due, stampata con il nuovo indirizzo “Appresso Ludovico Furlanetto sopra el ponte de’ Baretteri” Fu pubblicata nel 1729 da Baroni per la prima volta e successivamente ristampata nel 1739 da Furlanetto, Di notevole valore decorativo, la pianta rappresenta una pietra miliare della storia cartografica veneta, che la successiva produzione lasciò sostanzialmente inalterata, fungendo da modello fino all’età moderna; di grande precisione e dettaglio è costituita da otto fogli a cui si affiancano le vedute. Viene arricchita da una allegoria di Venezia su disegno di Sebastiano Ricci in alto a destra, da una rosa dei venti a sinistra, dalla dedica ad Aloysio Mocenigo, Doge nel 1729, entro cartiglio in basso a destra, mentre a sinistra in basso appare una scala di passi veneti sormontata da una composizione con le armi di Francesco Morosini, ultimo Doge guerriero, conquistatore della Morea (1684-1699). Nella parte alta il titolo, mentre ai piedi della pianta è narrata la storia cittadina in otto riquadri. Buon esemplare, fascinoso e leggermente brunito in modo uniforme, minimi difetti consueti. Schulz, 117; Moretto, Venetia. Le immagini della Repubblica, 152; Cassini, 72.



soggetto: Venezia
Torna Indietro