HELIODORUS EMESENUS

Historia di Heliodoro delle cose Ethiopiche. La qual tratta diversi e compassionevoli avvenimenti di due amanti, si contengono anco abbattimenti, descrittioni di paesi, e molte altre cose utili e dilettevoli a leggere. Novamente tradotta dalla lingua Greca nella Toscana, da Messer Leonardo Glinci (Ghini)
Data: Venetia,Ghirardo & Iseppo & Imberti,1623
Cod 0008
350,00 €
In 12° (mm 150x100) Pagg. (24), 399. Nota di possesso cassata al frontespizio e nota poco leggibile, datata 1670, alla sguardia anteriore. Pergamena flessibile coeva, due nervi al dorso, titolo manoscritto a inchiostro bruno e ripetuto al taglio inferiore. Opera in dieci libri, in volgare, carattere romano tondo e italico corsivo. Capolettera istoriati e testatine incisi in legno. Il traduttore è Leonardo Ghini, mal riportato al frontespizio; godeva fama di eccellente grecista e nel 1556 per primo tradusse in italiano le Etiopiche di Eliodoro. La traduzione conobbe notevole fortuna e fu ristampata diverse volte (ultima edizione, Firenze 1816); la sua lingua resta sostanzialmente di tradizione aulica, costellata di termini dotti e adattamenti di voci greche. Caro alla poetica barocca, il romanzo di Eliodoro servì da modello per la tragedia in dialetto napoletano Carichia di Ettore Pignatelli (Napoli 1627). Racconto storico romanzato scritto dal rétore e letterato siriano di lingua greca che visse nel III secolo a. C. Bongi: "forse il migliore degli antichi romanzi erotici greci". Ottimo esemplare genuino con qualche pieghetta agli angoli delle pagine.

Torna Indietro

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila la form per ricevere assistenza sui nostri prodotti e richiedere un preventivo

Accetto l’informativa sulla privacy.



Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato
Accetto l’informativa sulla privacy.