BRUSTOLON GIOVANBATTISTA

Expleto a Serenissimo DUCE in gestatoria sede Magnae Divi Marci plateae circuitu supra gigantum scalam toto spectante Electorum coetu a seniore Consiliario gemmato Cornu regia praefulgente Corona plaudente populo coronatur... (Incoronazione del Doge sulla Scala dei Giganti)
Venezia,1766
Cod 3178
1.700,00 €
Incisione in rame a bulino ed acquaforte, eseguita dal Brustolon su soggetto di Antonio Canaletto, firmata in basso “Antonius Canal pinxit” e “Jo. Bap. Brustolon inc”. Tratta dalla serie delle “Solennità Dogali” o “Feste Ducali”, nell’edizione di Furlanetto. Mm 427x555. Stato I/III. Ottimo esemplare con pochi millimetri di margine oltre la la battuta del rame. Succi, La Serenissima nello specchio di rame, p.885, Brustolon 26: “Dopo aver ultimato il giro della piazza in Pozzetto, il Doge saliva la Scala dei Giganti, sulla cui sommità lo attendevano i consiglieri e i Quarantaun elettori, per ascoltare la lettura della Promissione e giurare osservanza alle leggi. Il più giovane dei consiglieri gli metteva sulla testa il camauro di rensa (una cuffia in tela fine di Reims) sopra il quale il più anziano poggiava la corona e il corno dogale pronunciando le parole : Accipe coronam Ducatus Venetiarum”



soggetto: Feste Dogali
Torna Indietro